Teatro al Progresso: SPETTACOLI in programma

IMGP3475 copiajpg

SPETTACOLI IN PROGRAMMAZIONE

Online, nuove modalità 

per tenere accesa la fiammella del teatro


giovedì 3 dicembre ore 20,45 

diretta ONLINE (30 min) sulla pagina Facebook del Teatro d'Almaviva

https://www.facebook.com/teatroalmaviva/

BASTA BARBABLU' 

https://fb.me/e/ABiIVEJl?ti=wa 

Femminicidio e violenza di genere, parole narrate e parole ferite per corpi in movimento

spettacolo di parole e corpi che intreccia la fiaba di C.Perrault

a testimonianze dirette e toccanti di violenze di genere e femminicidio

progetto e regia Duccio Barlucchi

con Sabina Cesaroni, Isabella Quaia e Duccio Barlucchi

Luci e audio: Federico Coppola - Riprese video: Gabriele Ramazzotti

Assistenti alla regia: Carlotta Cecchi – Francesco Scatarzi

La visione dello spettacolo è gratuita

Volantino Barbablu Scandiccijpg


IMG-20201108-WA0001 1jpg


Le rappresentazioni teatrali

sono sospese fino a tutto dicembre 2020

Maria Serena Falagiani: Io Amleto e le altre

di e con Maria Serena Falagiani
Spettacolo liberamente tratto da Amleto, Macheth, Delitto e Castigo e dai diari di Kurt Cobain: un percorso paradossalmente leggero e ferale alle radici di amore e morte. Attraverso le voci di grandi autori e grandi personaggi ci vogliamo avvicinare a temi universali eppure intimi e personali. L'interprete, sulla scena, attraverserà questi temi con l'aiuto della leggerezza della follia che così bene accomuna i personaggi dei testi scelti.
Falagiani 17 ottobre copiajpg


Filippo Frittelli: Orphèe et Eurydice           
PRIMA NAZIONALE

con Ludovica Rio e Filippo Frittelli

Lo spettacolo nasce come spettacolo a due attori per il festival OFF2018 di Avignone presentando un singolare punto di vista su rapporto uomo/donna che da sempre muove la creazione artistica con tutte le sue passioni più forti e che ancora oggi è al centro di discussione. Orfeo ed Euridice danzano giocano convivono cambiano in modo diverso l'uno dall'altro quasi da non consentire più loro di riconoscersi. La plastica dei corpi dialoga con una scenografia essenziale  che si costituisce in due forme stereometriche, due moduli cubici scomponibili e ricomponibili l'uno sull'altro motivando i gesti degli attori e disegnando una sequenza di scene.
I protagonisti entrano ed escono di scena lasciando spazio a intervalli video curati dall'artista torinese Alessandro Azzario. Le cineafasie di AZZARO sono composizioni artistiche che con i mezzi video ribadiscono il linguaggio compositivo di tutto lo spettacolo.

orfeo copiajpg

Federico Tassini: Viva Bresci (e morte al re!)


Monza, 29 Luglio 1900. Umberto I Re d'Italia viene ucciso da Gaetano Bresci, un operaio pratese emigrato negli Stati Uniti in cerca di lavoro: voleva vendicarsi delle stragi perpetuate dalla monarchia sabauda contro la popolazione richiedente pane e diritti. Il suo atto individualista fu l'apice di una serie d'attentati alle teste coronate europee, in un momento storico in cui la lotta fra sfruttati e sfruttatori incalzava ovunque. Chi lo difese in tribunale cercò di ribaltare il corso del processo, trasformando gli accusatori in accusati, ma fallì e il Bresci finì per morire in carcere condannato dal potere alla damnatio memoriae. L'anarchico tornato dall'America rimane però nel mito quale emblema dell'assassinio del tiranno come estrema azione politica. Con: Cosma Barbafiera; Filippo Frittelli; Michele Jommi; Federico Tassini. Scenotecnica e assistenza alla regia: Lorenzo Latini.  Drammaturgia e regia:Federico Tassini.

Bresci orizzontalejpg

Emanuele Cecchetti: Antigone 

Antigone è la piccola fiamma che è divampata di fronte all’ottusità delle leggi del re Creonte. La prigionia a cui viene costretta è, paradossalmente, il trionfo della sua libertà disobbediente, in nome di una coscienza superiore.; viceversa, le figure del Carceriere prima, e di Creonte e della seconda Guardia poi, pur libere dalle tetre mura della cella rappresentano l’ ottusità di quel potere che è sì libero di agire e di abusare, ma è prigioniero della sua stessa cecità  di fronte alla natura più intima delle cose.



maschere dalmavivajpg


Da martedì 8 e per tutto ottobre

Lezioni prova gratuite per i nuovi Corsi 2019-20


SCUOLA TEATRO D’ALMAVIVA a Firenze dal 1999 Dir.art. Duccio Barlucchi

Il fascino del palcoscenico e la sorpresa di ri-scoprirsi.

La Scuola offre un programma triennale di recitazione, improvvisazione, maschere, in un’esperienza stimolante e coinvolgente di fantasia ed intensità, tecnica ed emozione, dal comico al dramma,

 per una crescita artistica e personale.
Un cammino d’allegria ed intimità con sé e con gli altri, 

condiviso con persone affini, in serenità e senza competizione.

La pratica teatrale stimola le nostre parti migliori, risveglia prerogative dormienti, scioglie rigidità, lavora sulle ansie, consolida presenza, capacità di relazione, quindi sicurezza ed autostima, per meglio esprimersi 

e fronteggiare gli imprevisti, in scena e nella vita.

Fare teatro è un tonico dell’anima e dello humour, emoziona e diverte!

CORSI per ADULTI – GIOVANI – BAMBINI

WORK-SHOP – SPETTACOLI - EVENTI

 

Nuovi CORSI 2019-20

 Prima lezione di prova gratuita, da martedì 8 e per tutto ottobre

 ADULTI principianti: il MARTEDì h 20,45/23,15

GIOVANI e RAGAZZI: il LUNEDì   h 17,30/19,30)

 

Corsi di teatro per Adulti - Giovani – Ragazzi

Lezioni e Saggi finali in teatro - Attestato finale

Sede Scuola : Teatro Il Progresso, via V.Emanuele 135 (zona Statuto)

Durata Corsi: da ottobre a metà giugno, 1 incontro settimanale

Giorni e orari:

ADULTI h 20,45/23,30

Principianti : MartedìIntermedio : Martedì

Avanzato     : Lunedì

GIOVANI e RAGAZZI : Lunedì h 17,30/19,30


Lezioni e Saggi finali in teatro - Attestato finale


Promozioni 2019-20

(1 e 2 non cumulabili)

1) Porta un amico: - 30% per entrambi sul 1° mese

2) Iscrizioni entro 31 ottobre : -50% su quota annua

3) Under 21: -50% su quota annua



Sono stati con noi