Programmazione Teatrale

IMGP3475 copiajpg

SPETTACOLI IN PROGRAMMAZIONE

645a3d56-8fd2-4fbe-83e5-a2eeae8e0749jpg

SABATO 30 marzo ore 21.30


...e l'han buttato giù.

“Voi sapete il preambolo: la strage di Piazza Fontana.

Subito dopo hanno fatto una grandissima retata solamente tra gli anarchici.”
Questo è l'inizio di una storia mai finita, italiana, fra le più oscure.
Giuseppe Pinelli, staffetta partigiana, ferroviere, anarchico e padre di famiglia.
Capro espiatorio istituzionale per circostanza o per perfidia.
Sicuramente per ingiustizia.
Un progetto teatrale in itinere che intrecciando musica, poesia e le parole di chi ha
vissuto quelle drammatiche ore, ripercorre gli avvenimenti della notte in cui Pino
morì nella questura milanese.
Lo scopo non è solo non dimenticare ma conservare quella coscienza sociale e
politica che ogni essere umano in balìa di tempi dove la repressione è usata come
strumento democratico, rischia di perdere.
Quella stessa coscienza che animava Pino.

Con:

Simone Faini, Filippo Frittelli, Federico Tassini.

Scenotecnica e Video:
Lorenzo Latini.
Drammaturgia e Regia:
Federico Tassini.



Sono stati con noi




 Programmazione Teatro. Tutto quello che sarà ed è stato.


 stagione 2017-18

Sono stati da noi:

Shakespere Suite, Tradire o Morire

tratto da Amleto, Otello e Giulio Cesaredi
Filippo Frittelli

con
Federico Tassini, Ludovica Rio, Giorgia Stornanti, 

Michele Jommi, Filippo Frittelli

Chitarra
Francesco Giubasso

Danze
Lara Yalil, Gloria Chesi



Nessun autore di teatro più di Shakespeare ha catturato i meandri dell’animo umano, rimanendo ancorato in maniera unica al suo tempo e allo stesso modo scolpendo dei personaggi che sono divenuti veri e propri stereotipi dei sentimenti più forti. Le opere di Shakespeare continuano in maniera implacabile ad essere giudici del tempo. Ed ogni scelta di messa in scena se da un lato può risultare appropriata dall’altro apre ad infiniti punti interrogativi. Il ritmo, la forza e l’audacia del testo spingono inevitabilmente ognuno di noi a credere nella propria fortuna e nel proprio destino. Romeo, Amleto, Giulietta, Ofelia, Otello nomi che abitano l’immaginario collettivo da secoli, ci aiutano a cercare. Se al tempo Shakespeare divenne per il burbero popolo inglese il portatore di un sapore di esotismo e di evasione geografica, oggi tali prodigi letterari ci illuminano per il loro senso di purezza, un’isola di felice in cui separarsi per un poco dalla noia del moderno, 

acendoci reimmergere nei valori infrangibili dell’essere umano.

Essere o non essere? Morire o dormire? “Amleto” è lo specchio di un iperrealismo dove la follia prende il sopravvento sul discernimento; se “Giulio Cesare” è l’arte della ragione ed “Otello” inquadra l’esistenza in una spirale di gelosia e passione, dove sarà invece l’insaziabilità dell’amore a condurre alla morte.
Ma se l’amore è la chiave della vita, ed è vero che amiamo come dice M.Yourcenar perché non siamo capaci di sopportare di essere soli, allora il teatro può essere ancora il luogo del conforto.

 E queste straordinarie opere ne sono la conferma.
Sulla bellezza della musica dal vivo, di danze e canti si darà spazio, vita e colore a tre 

Suite tratte dal meglio di tutto ciò che il teatro può ancora offrire.

"DIFATTOTERESA"Storia di una donna della Costituentedi e con Silvia BagnoliscenografiaLetizia Maria MartiniLetizia Bianchi
ingresso € 8
informazioni e prenotazioni silviabagnoli10@gmai.com tel. 3472190890
Teresa Mattei la più giovane donna eletta alla Costituente. Aveva 25 anni. Probabilmente l’unica non ebrea espulsa da tutte le scuole del Regno per l’esplicito rifiuto delle leggi razziali. Gappista e partigiana, vittima delle torture naziste. Fonte di ispirazione del regista Roberto Rossellini per l’episodio fiorentino di Paisà. E’ sua la proposta che, “di fatto”, contribuisce a rafforzare l’”universalità” dell’articolo 3 della Costituzione, il più importante, come ricordò Calamandrei ai giovani nel 1955. E’ lei, Teresa, a proporre ai dirigenti del suo partito, il Pci, la mimosa come simbolo dell’8 marzo. E sempre lei per prima che ha posto l'accento sull'ingresso delle donne in magistratura. Dopo l’esperienza nella Costituente, “prima ragazza madre” nella politica italiana, si è sempre occupata di donne e di bambini. La sua è una storia di lotta, una bella storia.

                                                                                                      

           Programmazione teatrale 2015-16              

15 novembre 2015: 

Ivan Periccioli

         

      25-27 novembre, 16, 18 e 19 dicembre:  

   Alessandro Riccio in Bruna è la notte

trailer


11 dicembre 2015: Finché fa male


29 e 30 gennaio 2016: Donne nascoste


26 febbraio 2016: Airswimming 

o della fisiologia del cuore

 

27 febbraio 2016: Ercole e le stalle di Augia


5 marzo 2016: 

Recital in parole e musica su P.P.Pasolini 

Tutto il mio folle amore 

      trailer       

                                                 

16 aprile 2016: 

   Eleganza novecento: 

  Facciamo musica con tre soldi 

          scheda    promo            




Programmazione teatrale 2014-15  


13 dicembre 2014: 

Quarto Teatro in 

"Il Corpo Sos-petto"



9-10 gennaio 2015: 

Ermes Teatro in 

 "Quella Musica Ricordo"



21 febbraio 2015: 

Teatri Divaganti in 

      "Fondata sul Lavoro"     



21 marzo 2015:  

La Banda dell'ortica in   

"Quando Parla Gaber"



11 aprile 2015

   gruppo GTB in 

              "IL BUCO"            


Io sono un blocco di testo. Clicca su di me per trascinarmi in giro o clicca su un angolo attivo per ridimensionarmi. Clicca sull'icona delle impostazioni (è quella a sinistra, è a forma di ingranaggio) per cambiare questo testo. Puoi digitare un nuovo testo al posto mio o puoi tagliare e incollare testo da qualche altra parte. Clicca fuori di me quando hai finito e qualsiasi cambiamento effettuato verrà salvato.

Tracce d'Almaviva
31 maggio - 6 - 7 - 13 -14 giugno, ore 21,15
Tracce d'Almaviva. Spettacoli di fine anno
Come ogni anno i vari Corsi della Scuola Teatro Almaviva arrivano all'appuntamento conclusivo, con tutti gli spettacoli finali riuniti nella Rassegna TRACCE D' ALMAVIVA giunta alla 17° edizione.
I Saggi che concludono ogni itinerario sono un momento essenziale dell'esperienza, l'incontro con il pubblico, il rito di chiusura d'un viaggio, un banco di prova in cui si muovono tutte le emozioni che ogni appuntamento importante risveglia.
L'invito è dunque di condividere con noi la scoppiettante ed intensa atmosfera di TRACCE D'ALMAVIVA
Ogni gruppo ha seguito l'itinerario in progress previsto per ognuno dei 3 livelli:
I due Corsi Principianti condotti l'uno da Andrea Donnini e l'altro da Serena Mannatrizio daranno vita a due spettacoli di Improvvisazione con alcune brevi scene di prosa tratte da suggerimenti letterari, teatrali, cinematografici etc degli allievi stessi.
In entrambi gli spettacoli saranno in scena entrambi i gruppi, che alterneranno nelle due date le diverse scene di prosa, e daranno vita tutti insieme ai momenti d'improvvisazione, come già proficuamente avvenuto nel corso dell'anno.
L' Intermedio coordinato da Duccio Barlucchi con Andrea Donnini lavorerà su estratti di testi d'autore (Cechov, Aickburn, Gaber) e su scene tratte da spunti d'improvvisazione e strutturate drammaturgicamente, in un esperimento di sviluppo e ponte tra improvvisazione e prosa.
L'Avanzato di Lorella Serni con Duccio Barlucchi proporrà invece uno spettacolo su brani di Commedia dell'Arte, con l'uso di maschere tradizionali ed originali (di D.Barlucchi), in un rutilante mondo di visioni, caricature, caratteri e umane ridicolezze alle prese col Potere.
I meravigliosi ragazzi del Lab Giovani guidati da Simone Margheri presenteranno uno spettacolo che mixerà sapientemente Improvvisazione e Prosa, con l'entusiasmo e la freschezza dell'età.


Appuntamento dunque a "Tracce d'Almaviva" 17 edizione, Teatro Il Progresso via V.Emanuele 135 Firenze,
31 maggio - 6 - 7 - 13 -14 giugno, ore 21,15

mercoledi 31 Maggio '17
" PROCESSO AL TEATRO "
Corso AVANZATO

martedì 6 Giugno '17
Corso PRINCIPIANTI 1 riuniti

mercoledì 7 Giugno '17
Corso LAB GIOVANI

martedì 13 Giugno
" AsSAGGI "
Corso INTERMEDIO

mercoledì 14 Giugno
Corso PRINCIPIANTI 2 riuniti

TRACCE D'ALMAVIVA - 17° edizione
Rassegna Saggi finali Scuola Teatro d'Almaviva
dal 29 maggio al 14 giugno 2016 


Teatro IL PROGRESSO via V.Emanuele 135, Firenze

inizio spettacoli h 21:15 - info : 335 5915607 - scuola@teatrodalmaviva.com

31 maggio ore 21.15

 PROCESSO AL TEATRO 
commedia ridiculosa di maschere innanzi al potere


Da canovacci e testi della commedia dell'arte contaminati con estratti da Bertold Brecht sono emersi gli spunti per comporre questo Processo in cui il teatro stesso nella figura di Pedrolino (celebre nel 700 a fianco di Arlecchino e compari) viene messo in stato di accusa da un tribunale ostile e manipolatore quanto ridiculoso, che, mentre ancora lo processa, lo ha condannato come elemento perturbatore, vizioso, immorale e blasfemo. Dunque dannoso alla società.
Sfilano le maschere, testimoni prezzolati s stralunati che evocano figure di una società semplice e viva nonostante l'oppressione moralista, mentre si dipana il disegno di manipolazione dei atti e dei racconti verso una condanna già scritta per la pericolosa arte che ride della vita e mette in mostra tutte le ridicole meschinità del potere svegliano coscienze e sfottendo gli arroganti.
Una commedia di maschere, colorata e imprevedibile, un omaggio contemporaneo alla commedia dell'arte e al suo saper cogliere la vitalità dello sberleffo e della risata nella sempre attuale lotta dell'uomo col potere l'amore e la morte
Regia e adattamento testi Lorella Serni e Duccio Barlucchi
con Carlotta Cecchi, Francesca Ingold, Elena Lampugnani, Daniele Landi, Dania Menafra, Sara Pestelli, Serena Scodellari, Gianni trippi, Tommaso Daffra
per la prima volta in scena: Sandro Sangria Marionetta Gigante
e con la partecipazione di Andrea Donnini e Duccio Barlucchi
Progetto: Lorella Serni
Maschere: Duccio Barlucchi
Costimi: Teatro d'Almaviva
Progetto audio-Luci: Lorenzo Castagnoli

               


La Programmazione 2016-17    


        

19 novembre  2016

compagnia Mald'estro  

   TRANSFERT 


16 dicembre 2016

compagnia Teatro dei Sintomi

MOBY DICK

racconto blues psichedelico improvvisato


20 gennaio 2017

Sono una Bionda 

Non sono una Santa

cabaret senza censure con Laura Formenti  


17 febbraio 2017  

teatro musica

      INTERIORS      

      con Valerio Corsani ed Erica Scherl  

                                                            

                                                      31 marzo 2017                                                      compagnia Periandra 

   Marx attacks  

     

22 aprile 2017   

Cabaret Schengen

          Nè grande nè guerra   

              NoWar show          



               


Cartellone 2017-18

 Direzione artistica Duccio Barlucchi



Sabato 11 e domenica 12 novembre 2017

La soffitta di petali


 

5 gennaio 2018

Bella Ciao!



24 febbraio 2018

Sibilla Aleramo, cosi bella come un sogno



Venerdi 6 e sabato 7 aprile 2018

                                    Nikola Tesla, il figlio della tempesta,                                      di e con Duccio Raffaelli

                          

                                            

                                            sabato 12 maggio 2018 

                                                                                       Effetto Notte presenta

                                                Amor y Revolucion

                                    Frida Kahlo, vita di lotta e passione




inizio spettacoli ore 21.15


 

VOLEVO SOLO CAMBIARE IL MONDO è uno spettacolo promosso dall'ATP (Assoc.Toscana Paraplegici) con Medicina Democratica ed il sostegno del Consiglio Regionale della Toscana, con testo di Giuseppe Della Misericordia liberamente tratto dal volume "E' tempo di travasare i sogni" di Giulia Malavasi, Donato Santandrea, Fanny Di Cara.

Lo spettacolo, a cura del Teatro d'Almaviva con le attrici Arianna Ninchi e Laura Formenti e la regia di Duccio Barlucchi, ripercorre tra cronaca e poesia la vita di Gabriella Bertini, figura chiave delle lotte per i diritti di disabili e paraplegici, e dei tortuosi percorsi pieni d'entusiasmo e determinazione quanto sferzati da cocenti delusioni che Gabriella e le altre ed altri hanno compiuto fin dagli anni '70, raggiungendo importanti risultati concreti, come la realizzazione delle Unità Spinali di Firenze e del progetto "Casa Gabriella".

Abbiamo voluto portare in scena l'umanità di Gabriella Bertini, le sue conquiste d'autonomia innanzitutto personale, la sua vita non certo facile, ma immersa in un amore condiviso e fattivo nella battaglia all'insensibilità, alla burocrazia, alla supponenza, verso la conquista del diritto dei disabili di essere visti, considerati, ascoltati.

L'allestimento di Duccio Barlucchi è volutamente semplice e fortemente simbolico, per restituire emozioni, coinvolgere e sensibilizzare, con dei tocchi di ironia e sorriso che non sono certo mancati nella vita di Gabriella Bertini.

Arianna Ninchi è Gabriella, con la sua carrozzina, mentre Laura Formenti riveste via via i panni di tanti personaggi del Mondo e della Società, ripercorrendo gli eventi chiave della lotta per i diritti dei disabili intrecciati a momenti privati e frammenti di vita; la perdita dell'uso delle gambe, la non-vita della paralisi, le difficoltà familiari e sociali, il percorso clinico, la consapevolezza e l'impegno civile, la nascita della "guerriera" Gabriella, l'unione d'una vita con Beppe Banchi, gli affetti di tante e tante persone, le relazioni internazionali. E le poesie.

L'intensità e versatilità delle attrici danno vita ad uno spettacolo in cui dialogo ed azione si snodano veloci, respirando a tratti in momenti sospesi, intimi, con la suggestione di luci e musiche, per offrire allo spettatore una verità scenica che non finga la vita, ma la ricrei in palcoscenico, con amore ed emozione sincera.

 

Il Regista Duccio Barlucchi                                                                                    22-09-2017

ATP (Ass.Toscana Paraplegici) e MEDICINA DEMOCRATICA  

col sostegno di REGIONE TOSCANA / Consiglio Regionale della Toscana



Lunedì  25  SETTEMBRE ORE 19 - TEATRO DELLA COMPAGNIA  (via Cavour 50r, Firenze)


presentano lo spettacolo a cura del Teatro d'Almaviva

 

VOLEVO SOLO CAMBIARE IL MONDO


Gabriella Bertini e le lotte per i diritti di paraplegici e disabili  

Testo  :   Giuseppe DELLA MISERICORDIA 

Regia :    Duccio BARLUCCHI

Con    :    Arianna NINCHI e Laura FORMENTI 

Luci   :    Lorenzo Castagnoli-    Audio  :  Fulvio Ferrati-  Aiuto regia  :  Simone Margheri

Ingresso libero   -    INFO:   335 5915 607  -  info@teatrodalmaviva.com

Si ringrazia la CdP IL PROGRESSO PER IL SOSTEGNOGRESSO per la disponibilità ed il sostegno